#ElezioniInpgi, Fabio Benati: “Due giorni determinanti per cambiare il futuro delle nostre pensioni”

Benati videodi Fabio Benati – candidato al Consiglio generale in Lombardia con la lista Inpgi-La Svolta

Ancora due giorni a disposizione per i giornalisti che possono, a questo punto DEVONO votare per difendere le nostre pensioni, pretendere trasparenza e affidare a colleghi che si sono messi a disposizione della categoria la fiducia per amministrare bene il nostro Istituto di previdenza.

Le percentuali di voto online per il rinnovo cariche Inpgi indicano che solo il 16% degli aventi diritto ha utilizzato la modalità elettronica.

Continua a leggere

Annunci

I video di Inpgi-La Svolta/8: Marco lo Conte, ci vuole una spending review. Mai più un presidente che guadagna come Mattarella e Boeri messi insieme

100876-227Operazione spending review all’Inpgi. E i tagli devono partire dai compensi del presidente e di tutto il vertice. Marco lo Conte, giornalista del Sole 24 Ore e candidato di Inpgi-La Svolta al Consiglio generale in Lombardia, traccia una linea invalicabile: Mai più un presidente potrà guadagnare come Mattarella e Boeri messi assieme!

La riduzione delle spese di funzionamento dell’Inpgi è il tema dell’ottavo video della serie che Inpgi-La Svolta ha realizzato in vista delle elezioni per il rinnovo degli organismi dell’Istituto di previdenza dei giornalisti italiani. Tutti i video sono disponibili sul canale YouTube di Unità Sindacale.

Eliminare i compensi per gli amministratori, continua lo Conte, è una questione di etica e di decenza prima ancora che di risparmio, perché i colleghi vivono tutti una stagione di crisi e non è tollerabile accettare guadagni così alti da chi guida il nostro Istituto. Un Istituto in cui tutti devono tornare a riconoscersi, non solo gli amici di chi lo dirige.

Le elezioni per rinnovare gli organismi dell’Inpgi si terranno il 22, 23 e 24 febbraio online e il 27 e 28 febbraio ai seggi (a Milano, in viale Monte Santo 7).

I video di Inpgi-La Svolta/7: Nicola Borzi, trasparenza significa rendere disponibili agli iscritti tutte le informazioni

100876-227Nicola Borzi, giornalista del Sole 24 Ore e candidato al Consiglio generale in Lombardia, spiega concretamente la strada della trasparenza che vuole costruire all’Inpgi nel settimo video della serie che Inpgi-La Svolta ha realizzato in vista delle elezioni per il rinnovo degli organismi dell’Istituto di previdenza dei giornalisti italiani. Tutti i video sono disponibili sul canale YouTube di Unità Sindacale.

Trasparenza, sottolinea Borzi, significa rendere disponibili tutte le informazioni agli iscritti, prima di tutto, dai bilanci (che lo devono essere per legge) a ogni delibera fino agli investimenti e ai loro rendimenti. Ma anche incaricare una persona, all’interno dell’Istituto, per il dialogo continuo con i giornalisti.

Se questa trasparenza ci fosse stata, è la considerazione amara di Nicola Borzi, molte questioni si sarebbero conosciute in anticipo. E si sarebbero potute affrontare prima che la situazione precipitasse.

Le elezioni per rinnovare gli organismi dell’Inpgi si terranno il 22, 23 e 24 febbraio online e il 27 e 28 febbraio ai seggi (a Milano, in viale Monte Santo 7).

I video di Inpgi-La Svolta/6: Fabio Benati, mandiamo a casa chi ha rovinato il nostro Istituto

100876-227Mandiamo a casa chi ha rovinato l’Inpgi”: è questo il primo obiettivo di Fabio Benati, candidato di Inpgi-La Svolta al Consiglio generale in Lombardia, intervistato da Daniela Stigliano nel sesto video della serie che Inpgi-La Svolta ha realizzato in vista delle elezioni per il rinnovo degli organismi dell’Istituto di previdenza dei giornalisti italiani. Tutti i video sono disponibili sul canale YouTube di Unità Sindacale.

Benati richiama inoltre l’attenzione sulle tante cose da fare nell’Inpgi2 per dare maggiore assistenza e migliori garanzie a collaboratori e freelance e per mettere a punto piani di sostegno per i giornalisti imprenditori.

Le elezioni per rinnovare gli organismi dell’Inpgi si terranno il 22, 23 e 24 febbraio online e il 27 e 28 febbraio ai seggi (a Milano, in viale Monte Santo 7).

I video di Inpgi-La Svolta/4: Franco Abruzzo, scendo in campo per difendere le pensioni di oggi e di domani costruite con il lavoro

100876-227Quarto video della serie che Inpgi-La Svolta ha realizzato in vista delle elezioni per il rinnovo degli organismi dell’Istituto di previdenza dei giornalisti italiani. Tutti i video sono disponibili sul canale YouTube di Unità Sindacale.

Franco Abruzzo, presidente emerito dell’Ordine dei giornalisti della Lombardia, scende per la prima volta in campo per l’Inpgi ed è candidato sindaco per la gestione principale. “La casa comune brucia“, dice Abruzzo, “e non si può più stare alla finestra. Io difendo le pensioni di oggi e di domani costruite con il lavoro”.

Le elezioni per rinnovare gli organismi dell’Inpgi si terranno il 22, 23 e 24 febbraio online e il 27 e 28 febbraio ai seggi (a Milano, in viale Monte Santo 7).

 

Elezioni Inpgi, il record di velocità della casalinga (non giornalista) che nel 2012 in Sicilia votò in 136 secondi

Elezioni Inpgi 2016 bisDue minuti e sedici secondi! Questo il tempo da battere per le prossime elezioni dell’Inpgi. Il record delle votazioni online è detenuto da Raffaella A. che quattro anni fa, in poco più di due minuti, riuscì a entrare nella home page dell’Inpgi, alle ore 10, 52 minuti e 13 secondi, quindi cliccò sul link di Speciale elezioni, poi si identificò digitando prima il codice utente e successivamente la password, attese l’apertura della pagina di voto per il Consiglio generale e poi cliccò per esprimere le preferenze (due).

Quindi, senza perdere un solo istante, chiuse la pagina di voto per il Consiglio generale, cliccò per aprire la pagina di votazione per il collegio dei sindaci ed espresse le preferenze (tre). Infine, senza perdere un solo istante e senza sbagliare a digitare un solo tasto, grazie evidentemente a un computer ultraveloce di ultimissima generazione, chiuse la pagina, tornò alla home page e chiuse il collegamento. Erano le ore 10, 54 minuti e 29 secondi.

Continua a leggere

Vademecum elezioni Inpgi: la guida completa che risponde a tutte le domande sul perché e per che cosa siamo chiamati a votare

100876-227di Inpgi-La Svolta

Come, dove e quando si vota per l’Inpgi? Ma anche: chi può votare e per quali candidati, quali sono gli organismi da rinnovare, quante persone li compongono e che poteri hanno, qual è il sistema elettorale, perché ci sono circoscrizioni regionali e collegi nazionali, si può dare o no un voto di lista, quante preferenze si possono esprimere e secondo quali regole saranno determinati gli eletti?

Inondati come mai prima d’ora da mail e messaggi elettorali da tutti i candidati, i giornalisti chiamati a scegliere chi gestirà per i prossimi quattro anni l’Istituto di previdenza, che versa in una situazione di oggettiva e profonda difficoltà, si fanno – qualcuno forse per la prima volta – molte domande.

Il vademecum che abbiamo realizzato vuole essere un contributo di chiarezza e un aiuto a votare con consapevolezza (e senza difficoltà). Perché la posta in gioco, questa volta, è troppo alta per rinunciare a partecipare e delegare ad altri la scelta di chi gestirà i nostri soldi e il nostro futuro.

Continua a leggere

Inpgi-La Svolta, scopri i nomi e i volti di tutti i nostri candidati

Chi sono, che cosa fanno e perché si presentano al voto le donne e gli uomini di Inpgi-La Svolta e gli altri candidati lombardi nelle liste che sosteniamo.

Ve li presentiamo uno per uno, con il numero con cui sono riportati nella relativa scheda di votazione e con i loro volti.

Continua a leggere

Riforma Inpgi, la stangata di Camporese & co. su contributi e pensioni future passa senza salvaguardie. Bocciate tutte le altre misure

imagedi Daniela StiglianoGiunta Esecutiva Fnsicandidata con Inpgi-La Svolta

Tutto come previsto. Le indicazioni del ministero del Lavoro (leggi qui) sono state fatte proprie dal ministero dell’Economia, ed entrambi hanno dato il via libera alla riforma Inpgi solo per le misure di incremento delle aliquote e diminuzione del calcolo delle future pensioni. Le misure negative, insomma. Che penalizzano i giornalisti (e solo in parte gli editori) per rimediare alla politica disastrosa degli ultimi otto anni.

Lo stop, ovvero la bocciatura di fatto, per tutto il resto è però confermato. No alla nuova età pensionabile a 66 anni, ritenuta troppo bassa. No ai nuovi requisiti per la pensione di anzianità, anch’essi considerati troppo “larghi”. No al prelievo sulle pensioni in essere, per i rischi di contenzioso. No, soprattutto, alle clausole di salvaguardia. E, unica nota davvero positiva, no alla indennità di disoccupazione rivista per l’ennesima volta all’ingiù per un risparmio di pochi spiccioli. Tutto rinviato ai prossimi vertici dell’Inpgi.

Non c’è insomma molto da essere allegri, né tantomeno da essere trionfanti per quest’ultimo regalo del Cda in scadenza, che in gran parte si ripresenta alle elezioni di fine febbraio. Anzi, coloro che si gaudiano oggi o non hanno capito bene (ed è grave) oppure sono ancora una volta degli irresponsabili verso i colleghi. Perché non dicono la verità: l’insipienza e l’arroganza di chi ha governato finora l’Inpgi non hanno permesso di trovare soluzioni correttive quando ancora si sarebbe potuto evitare il disastro. E di fatto ci hanno condotti ad avere condizioni da Inps pur restando apparentemente fuori dal sistema pubblico.

Continua a leggere

Anche la Covip apre un’inchiesta sull’Inpgi per il Fondo immobiliare “Giovanni Amendola”

imageUna nuova inchiesta sul Fondo immobiliare Inpgi “Giovanni Amendola”. Dopo Bankitalia (leggi qui), anche la Covip, la Commissione di vigilanza sui fondi di previdenza, ha deciso di fare luce sul Fondo in seguito agli esposti presentati dal collega del Sole 24 Ore Nicola Borzi il 27 ottobre e il 9 novembre. Ecco quello che ha scritto Borzi, oggi candidato in Lombardia per il Consiglio generale dell’Istituto di previdenza dei giornalisti nella lista Inpgi-La Svolta nelle prossime elezioni di fine febbraio (leggi qui), in merito alla comunicazione ricevuta oggi dalla Covip (a destra e in fondo, in formato leggibile).

di Nicola Borzicandidato in Lombardia per il Consiglio generale Inpgi nella lista Inpgi-La Svolta

La Commissione di vigilanza sulla previdenza complementare oggi mi ha informato ufficialmente (con una lettera che vi trasmetto per opportuna conoscenza) di aver preso in debita considerazione i miei esposti del 27 ottobre e 9 novembre sulla gara per istituire il Fondo immobiliare Giovanni Amendola “gestito da InvestiRE Immobiliare Sgr a cui è stata conferita parte dei cespiti immobiliari di proprietà” dell’Inpgi, su “alcune operazioni di investimento/disinvestimento poste in essere da quest’ultimo” e sulla “governance del menzionato fondo immobiliare”.

Continua a leggere