Gariboldi: vi dico com’è andata alla Casagit perché non si ripeta all’Ordine

Abbiamo vinto a Milano e Roma, ma la maggioranza della Fnsi a pensiero unico ha eletto il suo presidente e ci relega a minoranza. E ora punta a mettere le mani sull’Ordine

Carlo Gariboldi nuovadi Carlo E. GariboldiConsigliere di amministrazione della Casagit

Tre mesi fa si sono svolte le elezioni Casagit, all’inizio di luglio è stato eletto un nuovo consiglio di amministrazione, che ha confermato presidente Daniele Cerrato, in palese violazione dello statuto che pone il limite a due mandati. Abbiamo vinto le elezioni a Milano e Roma, ma la maggioranza del sindacato ha fatto finta di niente, appoggiandosi su un sistema federalista che favorisce le piccole regioni (dove i giornalisti sono pochi).

Vi scrivo oggi perché siamo alla vigilia del voto per l’Ordine: un banco di prova importante dove dobbiamo scongiurare si ripeta quello che è successo in Casagit. Per il bene di tutti i colleghi.

La maggioranza della Fnsi vuole mettere le mani su tutto: nei giorni scorsi ha costituito una nuova corrente (che si chiama, bizzarramente, ControCorrente) che vuole confermare i presidenti regionali amici ed eleggere Carlo Verna presidente nazionale. Un altro giornalista Rai. Come il presidente della Fnsi, quello del Fondo complementare, quello della Casagit. E come l’ex presidente Inpgi, che ha scelto il suo successore come fosse un monarca.

A Milano la maggioranza del sindacato che stampella l’Alg si è divisa sulla base di argomenti molto poco chiari e trasparenti. Io e i miei amici (con i gruppi Unità sindacale, Senza Bavaglio e Mil) appoggiamo i candidati delle liste “Ordine: Prima la professione!” (leggi candidati qui e programma qui, scarica il volantino qui).

Ma torniamo alla Casagit.

Continua a leggere

Elezioni Ordine. Giornalisti veri: chi sono i candidati di Prima la Professione!

Ecco i (brevi) profili e i volti di donne e uomini delle liste sostenute da Unità Sindacale, Movimento Informazione e Libertà e Senza Bavaglio

Sedici professionisti e cinque pubblicisti, tutti giornalisti veri. Sono le donne (otto) e gli uomini (tredici) che compongono la squadra di Ordine: Prima la Professione! Candidate e candidati alle elezioni per rinnovare i Consigli dell’Ordine della Lombardia e Nazionale, che si impegnano a rispettare un programma in dieci punti per difendere il giornalismo e i giornalisti (leggi qui).

Si vota domenica 1 ottobre, dalle 10 alle 13, e lunedì 2 ottobre, dalle 9,30 alle 14,30, all’Istituto dei Ciechi, in via Vivaio 7, a Milano. Potete scaricare i volantini con tutti i nomi a questo link.

Ecco i loro volti e i loro brevi profili. Votateli tutti, in blocco!

Continua a leggere

Elezioni Ordine: Prima la Professione! L’impegno dei candidati in 10 punti

Difesa del giornalismo e pulizia degli Elenchi, un Fondo anti-querele, la battaglia per l’Equo compenso e una vera formazione continua. Ecco quello che si impegnano a fare i candidati di “Prima la Professione!”

Il giornalismo non deve piegarsi al sistema politico. L’Ordine dei Giornalisti deve esserne il garante, soprattutto intervenendo con fermezza in tutte quelle situazioni in cui il racconto dei fatti su testate schierate è chiaramente piegato a esigenze di propaganda politica o per assecondare gli inserzionisti pubblicitari o i potentati economici più o meno nascosti. L’informazione ha le sue norme. L’Ordine deve farle rispettare con rigore, vigilando e riportando la categoria alle regole deontologiche, etiche e morali nell’esercizio della professione.

Continua a leggere

Ordine: Prima la Professione! Tutti i nomi dei nostri candidati

Elezioni per il rinnovo dei Consigli dell’Ordine nazionale e regionale: si vota domenica 1° ottobre, dalle 10 alle 13, e lunedì 2 ottobre, dalle 9,30 alle 14,30, all’Istituto dei ciechi, in via Vivaio 7, a Milano. Il volantino con tutti i candidati da votare in blocco

image

image

Clicca qui o sulle immagini per scaricare il volantino