Giornalisti, il Sindacato lombardo non abita più in viale Monte Santo

Ecco perché non abbiamo partecipato al voto sul rinvio delle elezioni per la Lombarda. Costa di più spendere 35-40 mila euro o ritrovarci tra un anno con altre decine di colleghi licenziati?

Pubblichiamo la dichiarazione motivata di Unità Sindacale e del Mil di Franco Abruzzo di non partecipazione al voto sulla proposta della maggioranza dell’Associazione Lombarda dei Giornalisti di prolungarsi il mandato, scaduto a dicembre, fino perlomeno a fine anno, presentata all’Assemblea del 26 gennaio e approvata a maggioranza senza la nostra presenza. Al termine di un’Assemblea iniziata con oltre un’ora di ritardo per difficoltà organizzative e durata in tutto nemmeno un’ora e mezza, alcuni colleghi rumorosi, evidentemente già istruiti sul voto da esprimere e ben poco interessati al dibattito, ci hanno impedito di leggere la nostra dichiarazione. In cambio, ci era stato assicurato che il testo sarebbe stato pubblicato sul sito dell’Alg. Ma il presidente Paolo Perucchini si è rifiutato di tener fede a un impegno assunto. Con l’abituale arroganza di una maggioranza che non ha argomenti da opporre alle critiche…

DICHIARAZIONE DI MIL E UNITÀ SINDACALE

Noi abbiamo approvato, votato e fatto votare la riforma dello Statuto della Lombarda, che tra le altre cose prevede l’allineamento delle elezioni dell’Associazione a quelle della Fnsi, così come quattro anni e tre mesi fa siamo stati promotori e sostenitori di una mozione apparentemente uguale a quella portata oggi in Assemblea dal Direttivo. Oggi però non parteciperemo alla votazione su una mozione che riteniamo sbagliata e pericolosa. Per più di una ragione.

Continua a leggere