Inpgi, ritocchi minimi alla riforma delle pensioni e per tre anni il potere agli editori sulla flessibilità in uscita

di Daniela StiglianoConsigliere generale Inpgi

PIccoli ritocchi, qualche riscrittura,  modifiche che potrebbero addirittura essere peggiorative, una proposta – l’unica novità vera – per coniugare flessibilità in uscita e nuova occupazione  consegnata nelle mani degli editori. La nuova versione della riforma delle pensioni disegnata dal Consiglio di amministrazione dell’Inpgi (scarica qui il file) – su cui stamattina dovrà dare il giudizio la Giunta Esecutiva della Fnsi – non modifica di fatto nulla della struttura presentata a inizio settembre: passaggio al contributivo, età pensionabile a 66 anni e 7 mesi, introduzione dell’aspettativa di vita, flessibilità in uscita a maglie strette e a caro costo, stop alla pensione a qualsiasi età con 40 anni di contributi, niente più possibilità di sommare anni di contributi Inps e Inpgi, nuovi prelievi sulle retribuzioni e una stretta ai contributi figurativi per chi è in maternità, cigs o solidarietà (leggi qui).

Una manovra iniqua, e oltretutto incapace di garantire la sostenibilità dell’Inpgi a lungo termine e di mettere in sicurezza le nostre pensioni. Anzi. Le proiezioni complete dell’attuario ancora non ci sono, ma è certo siano basate su dati non corrispondenti a quelli effettivi per i primi due anni (2015 e 2016) e calcolati su irrealistici parametri di crescita per i successivi 48 anni, soprattutto per quanto riguarda l’occupazione. Lo sanno bene i consiglieri di amministrazione dell’Inpgi che domani dovranno decidere se approvare o meno la riforma, e quindi inviarla ai ministeri vigilanti. E lo sa ancora meglio il consigliere Mauro Marè, professore esperto di previdenza, dal 2007 a capo del Mefop (la società di sviluppo dei fondi pensione voluta e partecipata da ministero dell’Economia) e soprattutto rappresentante nel Cda del ministero del Lavoro che quei parametri di crescita ha consegnato alle casse previdenziali.

Come potranno, tutti i consiglieri e Marè in particolare, approvare una riforma che non risolve nulla alla radice rimandando soltanto il problema nel tempo?

Ma vediamo che cosa cambia nella nuova versione dell’ipotesi di riforma delle nostre pensioni.

Continua a leggere

“Da giornalista a giornalista”. Lettera di 52 colleghi della Cairo sulle pensioni Inps-Inpgi al Cda dell’Istituto: “Evitate una grave ingiustizia”

inpgi.jpg_694560180“Evitate questa grave ingiustizia“. L’appello arriva in una lettera aperta firmata da 52 colleghi di Cairo Editore ed Editoriale Giorgio Mondadori inviata questa mattina ai giornalisti eletti nel Consiglio di amministrazione dell’Inpgi e, per conoscenza, al Collegio sindacale. Una lettera “da giornalista a giornalista” in cui si punta l’attenzione in particolare su un punto della riforma delle pensioni (leggi qui) che il Cda dell’Istituto si appresta a varare nella riunione del prossimo 28 settembre: la cancellazione della possibilità di sommare i contributi versati all’Inps per raggiungere i requisiti per la pensione Inpgi (legge Vigorelli).

Ecco il testo completo della lettera, con i nomi dei 52 colleghi che l’hanno sottoscritta a cui tutti noi di Unità Sindacale aderiamo.

LETTERA APERTA
DA
GIORNALISTA A GIORNALISTA

Caro/a collega

in questi giorni stai per approvare la nuova riforma dell’Inpgi. 

Continua a leggere

I Cdr chiedono a Fnsi e Inpgi di rinviare la riforma delle pensioni e di aprire il dibattito tra i giornalisti

Fermatevi e discutiamone insieme per “introdurre elementi di maggiore equità e sostenibilità“. Ovvero: la riforma delle pensioni messa a punto dal Cda dell’Inpgi (e in approvazione nella riunione del 28 settembre prossimo) così com’è proprio non va (leggi qui).

L’ordine del giorno presentato mercoledì scorso, 21 settembre, all’Assemblea dei Comitati e Fiduciari di redazione, convocata a Roma insieme con la Commissione contratto Fnsi-Fieg, in poche righe dice tutto e anche di più (testo completo in fondo al pezzo).

Continua a leggere

Inpgi, pronta la nuova riforma: in pensione a 66 anni e 7 mesi con il contributivo. Stretta sulle uscite anticipate e salvaguardia per pochi

IMG_1208di Daniela StiglianoConsigliere generale Inpgi

Si alza il velo sulla nuova riforma Inpgi. E per le pensioni dei giornalisti dal gennaio 2017 arrivano le regole Inps e le misure più “cattive” della manovra Fornero. In qualche caso, persino peggiorate. Contributivo per tutti, età pensionabile a 66 anni e 7 mesi, introduzione dell’aspettativa di vita, flessibilità in uscita a maglie strette e a caro costo, stop alla pensione a qualsiasi età con 40 anni di contributi, nuovi prelievi sulle retribuzioni e una stretta ai contributi figurativi per chi è in maternità, cigs o solidarietà. Certo, qualche mini-salvaguardia è prevista e si ipotizza un triennio di progressivo “assestamento”. Ma l’impianto replica al 90% le norme Inps. E lo scalone c’è da subito. In particolare per le donne, che nello spazio di un mattino passeranno dai 62 ai 64 anni per accedere alla pensione di vecchiaia, dopo altri 12 mesi saliranno in un sol colpo a 65 anni e 7 mesi, per ritrovarsi equiparate definitivamente agli uomini nel 2019, con il requisito di 66 anni e 7 mesi.

Le modifiche delle prestazioni messe a punto in gran segreto (ma con scarsa fantasia) negli ultimi mesi sono state illustrate alle Commissioni consultive Inpgi competenti l’8 e il 9 settembre (Previdenza e Occupazione). E giovedì prossimo, 15 settembre, la riforma verrà presentata alla Giunta della Fnsi e quindi alla Fieg per il parere (non vincolante) delle parti sociali obbligatorio per legge. Qualcosa, insomma, potrebbe ancora cambiare prima del 29 settembre, quando è in programma il Consiglio di amministrazione per l’approvazione finale. E anche fosse tutto confermato e infine deliberato dal Cda dell’Inpgi, non è detto che i ministeri vigilanti diranno sì all’intera manovra. Ma già così ce n’è abbastanza per disegnare un futuro quantomeno povero e incerto per le pensioni dei giornalisti. Senza peraltro alcuna certezza di mettere in sicurezza i conti disastrati del nostro Istituto. Anzi.

Vediamo, punto per punto, che cosa prevede la nuova ipotesi di riforma dell’Inpgi.

Continua a leggere

“il Centro” di Pescara e “la Città” di Salerno sacrificati sull’altare di Stampubblica. Tutti i giornalisti Finegil in sciopero

Il gruppo Espresso ha ceduto il Centro di Pescara e la Città di Salerno. La comunicazione ufficiale è arrivata oggi con una nota del gruppo (leggi qui), mentre i Comitati di redazione delle due testate Finegil sono stati informati con una irrituale videoconferenza. Immediata la reazione dei giornalisti dei 18 giornali locali del gruppo Espresso e dell’Agl, Agenzia giornali locali, che hanno proclamato due giorni di sciopero il 7 e l’8 settembre con un comunicato che pubblichiamo qui di seguito.

La vendita delle due testate, finalizzata al completamento del processo di fusione del gruppo Espresso con Itedi, dimostra purtroppo le intenzioni paventate e da noi denunciate sin dal primo momento di considerare “sacrificabili” i giornali locali di Finegil all’interno dell’operazione Stampubblica (leggi qui).

Il comunicato del Coordinamento Finegil dei Comitati di redazione

I giornali locali del gruppo editoriale Finegil-Espresso hanno proclamato due giorni di sciopero, oggi, mercoledì 7 settembre, e domani giovedì 8 settembre, per contestare la scelta dell’editore di cedere ad altri imprenditori due quotidiani storici del Gruppo “il Centro” di Pescara e “la Città” di Salerno.

Continua a leggere

I giornalisti della Provincia pavese in sciopero contro i tagli all’organico

Niente Provincia pavese oggi in edicola, per lo sciopero dei giornalisti contro i tagli all’organico che l’azienda ha attuato non sostituendo i colleghi andati in pensione e bloccando da anni le nuove assunzioni, come spiega il Cdr nel comunicato che pubblichiamo. La protesta alla Provincia Pavese è la seconda nel giro di pochi giorni tra le testate locali del gruppo l’Espresso-Repubblica dopo lo sciopero dei quotidiani Finegil del Veneto (leggi qui).

COMUNICATO SINDACALE

Cari lettori, domani (venerdì 2 settembre) la Provincia pavese non sarà in edicola e oggi (giovedì 1 settembre) il sito internet non sarà aggiornato per uno sciopero dei giornalisti. L’assemblea di redazione della Provincia pavese ha affidato ai rappresentanti sindacali un pacchetto di tre giorni di astensione dal lavoro, il primo dei quali viene attuato oggi, per protestare contro la mancata sostituzione di un collega che proprio da oggi è in pensione.

Continua a leggere