Altri 45 milioni per i prepensionamenti: restano fuori 75 giornalisti in attesa

Nuovi requisiti per l’accesso (61 anni e 25 di contribuzione nel 2017) anche per chi ha “prenotato” i finanziamenti. Ecco perché le risorse considerano solo 175 posizioni

di Daniela StiglianoGiunta Fnsi e Consigliera generale Fnsi

Altri 45 milioni di euro, per esaurire la “lista d’attesa” dei prepensionamenti. A cui saranno però applicati i nuovi requisiti minimi di accesso al ritiro anticipato, più stringenti di quelli attuali: 25 anni di contribuzione e 61 di età per il 2017 (61 e 7 mesi dal 2018). La soluzione prevista nello schema di decreto legislativo (dlgs) varato venerdì dal Consiglio dei ministri, che rivede integralmente le regole sugli stati di crisi delle aziende editoriali (vedi articolo del Sole 24 Ore in fondo), taglia fuori circa 75 posizioni prenotate: il 30% dell’intera lista.

Varrebbero invece le regole attuali (18 anni di contributi e 58 di età) per i prepensionamenti già finanziati con i precedenti stanziamenti, compresi gli ultimi 23 milioni della Finanziaria 2017. E questo ripropone, anzi accentua, il nodo sulla graduatoria di assegnazione già al centro di tensione tra gli editori della Fieg (leggi qui): a chi andranno gli ultimi 24 posti coperti dai 23 milioni, nei grandi numeri in bilico tra Corriere della Sera e Hearst magazines Italia? La risposta potrebbe cambiare il destino di molti giornalisti.

Continua a leggere

Annunci

Prepensionamenti, Poletti cambia le regole e stravolge la lista d’attesa

Modificato l’ordine di accesso ai finanziamenti. Gli editori “retrocessi” sono pronti a ricorrere al Tar. E il ministero blocca le chiamate. In attesa dei decreti dell’Editoria

di Daniela StiglianoGiunta Fnsi e Consigliera generale Inpgi

C’è grande confusione sotto il cielo dei prepensionamenti dei giornalisti italiani. Una nuova interpretazione del ministero del Lavoro di Giuliano Poletti ha stravolto l’ordine della lista di attesa per l’assegnazione dei 23 milioni di finanziamenti stanziati dalla legge di bilancio 2017 (leggi qui), per un totale di 94 posizioni. Non vale più la data di presentazione del piano di crisi al ministero, con possibilità di ricorso al contratto di solidarietà al posto della cigs: ora è il giorno dell’effettivo avvio della cassa integrazione a determinare la graduatoria.

Una rivoluzione piovuta sulla Fieg come una bomba, che coinvolge direttamente anche la Fnsi. Tra minacce di ricorsi al Tar, tentativi informali di mediazione con il ministero e invio di lettere a doppia firma a dirigenti e allo stesso Poletti. Con il risultato, al momento, di aver paralizzato il processo di autorizzazione dei prepensionamenti.

Continua a leggere

Riforma pensioni e rischio esodati: la sconfitta politica di Inpgi e Fnsi

Bloccate le clausole di salvaguardia. Negata l’autonomia del Cda sull’aspettativa di vita. Mentre passano le misure Inps ma senza protezione pubblica. E il futuro dei giornalisti non è garantito

di Daniela StiglianoGiunta Fnsi e Consigliera generale Inpgi

Nessuna clausola di salvaguardia. Nessuna autonomia del Cda sull’aspettativa di vita. Nessuna garanzia sul futuro. E, soprattutto, il rischio – che è quasi una certezza – di creare decine, centinaia di esodati. La riforma delle pensioni dei giornalisti, entrata in vigore il 21 febbraio con il via libera dei ministeri vigilanti del Lavoro e dell’Economia, è la rappresentazione plastica del fallimento politico dell’attuale maggioranza di Inpgi e Fnsi.

I no e le sospensioni pronunciate dai due dicasteri pesano infatti come macigni. Perché vanno a colpire le poche, pochissime aree su cui il vertice dell’Istituto aveva differenziato le condizioni rispetto all’Inps e su cui il Sindacato si era impegnato con i giornalisti. Mentre nulla si conosce ancora delle condizioni e dei paletti che i ministeri hanno indicato nella lettera arrivata il 21 febbraio in via Nizza, che i vertici dell’Istituto si rifiutano di rendere pubblica.

Altro che cantare vittoria per una riforma che sovrappone la nostra previdenza a quella dell’Inps ma senza nessun ombrello protettivo pubblico! La presidente dell’Inpgi, Marina Macelloni, e il segretario della Fnsi, Raffaele Lorusso, dovrebbero ammettere la sconfitta politica. Ecco perché.

Continua a leggere