Presidente Fnsi, vigilia di sfide e di ricatti. Capss e Lombarda arroccati su Giulietti contro tutti, ma da soli non hanno i numeri

image
Beppe Giulietti

di Sergio Stella

L’ultima chance di trovare un accordo è affidata alle ultimissime ore prima del voto del Consiglio nazionale di domani, mercoledì 7 ottobre, che dovrebbe scegliere il nuovo Presidente della Fnsi. Ma la maggioranza che ha in mano il Sindacato dei giornalisti dopo il Congresso di Chianciano si presenta alla vigilia dell’appuntamento ancora più spaccata e lacerata, tra dibattiti lunghi e accesi, riunioni ufficiali e segrete, prove di forza, iniziative provocatorie, ricatti e ultimatum. Che sono andati in scena per tutta l’ultima settimana fino alla serata di ieri. E che con ogni probabilità continueranno pure oggi.

Tutto ruota intorno a quello che la maggioranza della maggioranza, ovvero il Capss insieme con la Lombarda e altre aree minori, considera l’unico e solo candidato possibile: Beppe Giulietti. Un nome che non va giù alla minoranza della maggioranza, che da Roma si estende alla Toscana e all’Umbria, all’Emilia Romagna, al Piemonte e alle Marche. E che non ha fatto ritirare dalla competizione l’altro candidato rimasto in gioco, Paolo Butturini.

Il punto vero è però un altro: nessuno dei due schieramenti che si fronteggiano ha i voti per eleggere da solo il presidente. Tanto che qualcuno azzarda la previsione di un Consiglio non solo lungo ma forse anche non risolutivo.

Continua a leggere

Prepensionamenti, Stigliano: “Confermo tutto. La mia fonte? È l’Inpgi”

 di Daniela Stigliano Giunta Esecutiva Fnsi

Confermo tutto. Perché la mia fonte principale è l’Inpgi. Perché ho utilizzato per i calcoli gli identici dati che il neo segretario Fnsi ha illustrato in questi mesi nelle assemblee con i colleghi. E perché ho fatto controllare l’impostazione e i numeri della mia elaborazione a due esperti, uno degli editori e uno del sindacato. È vero, c’è un errore nell’attribuzione dello 0,6% contrattuale che modifica leggermente il risultato finale, mentre il numero dei prepensionati effettuati a fine di ogni anno ha uno scostamento di quattro unità rispetto a quanto contenuto nel documento dell’Inpgi perché io ho ricavato i dati dalle relazioni della Corte dei conti (non avendoli trovati nei bilanci dell’Inpgi). Ma la sostanza non cambia: in base ai dati in possesso fino a lunedì sera del sindacato e della categoria in quanto comunicati dall’Inpgi, i posti per nuovi prepensionamenti fino al 2019 ci sono, e sono alcune centinaia. Quello che è accaduto in nemmeno 24 ore è ancora incomprensibile

Continua a leggere

Letizia Mosca: caro Presidente Della Volpe, ecco com’è andata al Direttivo Alg

Letizia Mosca

 

Niente scuse, caro Presidente Santo Della Volpe, la violazione dello Statuto della Fnsi, di cui tu sei garante, c’è stata eccome. 

Scrivi che non sai come è andata la discussione nel Direttivo delle Lombarda. Però il Dipartimento sindacale, che citi nella lettera e che è coinvolto nella violazione delle norme del nostro Sindacato nazionale, lo sa molto bene. Nel Direttivo dell’Alg siede infatti Guido Besana, che ha partecipato alla riunione di venerdì scorso e che, come altri dirigenti, non ha ritenuto di difendere l’indifendibile, limitandosi a tacere.

Continua a leggere

Della Volpe: “Un malinteso”. Ma ammette che Fnsi e Fieg hanno parlato di contratto. Senza la Giunta. La replica: “La violazione rimane”

Santo Della Volpe

“Solo un malinteso”, risponde il presidente della Fnsi, Santo Della Volpe, dopo la denuncia da parte di quattro componenti della Giunta esecutiva dell’avvio del confronto con la Fieg per il rinnovo del Cnlg in segreto e senza la presenza della Giunta. Della Volpe ammette la riunione dell’11 maggio e anche che si sia parlato del tavolo contrattuale, ma lo definisce “incontro fra il dipartimento sindacale della FIEG e il dipartimento sindacale della FNSI”. 

Peccato che non risulti l’esistenza di tale dipartimento nella Fieg, replicano i quattro componenti della Giunta. Che confermano la “violazione palese delle nostre norme statutarie”.

LA RISPOSTA DEL PRESIDENTE FNSI, SANTO DELLA VOLPE

Cari colleghi,

non so che cosa abbia riferito la collega Anna Del Freo. Credo, però, che ci sia stato un malinteso. La riunione di cui parlate si è tenuta lunedì 11 maggio. Si è trattato di un incontro fra il dipartimento sindacale della FIEG e il dipartimento sindacale della FNSI. Si è parlato della possibilità di verificare le condizioni per l’apertura del tavolo per il rinnovo del Cnlg. Il presidente della FIEG ha parlato di apertura del tavolo ad ottobre – se ve ne saranno le condizioni – e non di chiusura entro ottobre

Continua a leggere

Cnlg, avviate in segreto trattative con la Fieg. Denuncia di quattro componenti della Giunta Fnsi

img_1178
Santo Della Volpe

Le trattative tra Fnsi e Fieg per il rinnovo del contratto che scade a marzo 2016 sono partite l’11 maggio scorso. In gran segreto e violando lo Statuto federale. All’incontro ufficiale di apertura del tavolo negoziale tra le due delegazioni non era infatti presente la Giunta Esecutiva (unico organismo al quale spetta la conduzione delle trattative e la firma del contratto), che non è mai stata neppure informata dell’avvio del confronto. Ecco la lettera con cui i quattro componenti di Giunta Enrico Cocciulillo, Giuseppe Di Pietro, Carlo Parisi e Daniela Stigliano denunciano l’accaduto al presidente Santo Della Volpe (nella foto) e chiedono il suo intervento per il ripristino della legalità.

Continua a leggere

Alessandro Galimberti eletto per acclamazione alla presidenza dell’Unci

di Sergio Stella

È iniziata nella notte di sabato 9 maggio la presidenza all’Unione nazionale dei cronisti italiani di Alessandro Galimberti, giornalista del Sole 24 Ore, membro del Comitato di redazione del quotidiano di Confindustria e tra i fondatori di Unità Sindacale nelle cui fila è stato eletto come delegato al Congresso Fnsi di Chianciano dello scorso gennaio. Dopo oltre vent’anni trascorsi alla guida dell’Unci, Guido Columba ha infatti passato la mano. E, anche grazie alla sua sapiente regia, la successione sancita a Fiesole dal XX Congresso di quello che viene considerato il più importante e strategico gruppo di specializzazione della Fnsi è avvenuta con un’elezione per acclamazione del presidente e dell’intero Consiglio nazionale e un voto a larghissima maggioranza per la Giunta esecutiva

Continua a leggere

Il Consiglio nazionale Fnsi preoccupato per i conti dell’Inpgi

Profonda preoccupazione per la situazione economica dell’Inpgi. E impegno perché l’ipotesi di riforma delle pensioni sia oggetto di un confronto ampio all’interno della categoria, nella piena chiarezza dei dati e delle prospettive future.

È il senso di un documento condiviso da venti consiglieri nazionali e proposto al dibattito nella riunione del Consiglio nazionale che si è svolta ieri, 28 aprile 2015. Inizialmente bollato dal segretario generale Raffaele Lorusso come “superfluo”, il documento è stato poi, su proposta del presidente Salvo Della Volpe, accolto dal Consiglio nazionale come raccomandazione. Lo stesso presidente Della Volpe, su richiesta dei promotori del documento, si è inoltre impegnato personalmente a convocare una nuova riunione del Consiglio nazionale espressamente dedicata alla riforma dell’Inpgi, alla luce dei tanti stati di crisi ancora aperti e del prossimo rinnovo contrattuale.

DOCUMENTO ACCOLTO DAL CONSIGLIO NAZIONALE COME RACCOMANDAZIONE

Il Consiglio nazionale della Fnsi, riunito a Roma il 28 aprile 2015, esprime profonda preoccupazione per la situazione economica in cui si trova l’Inpgi, così come di recente ha confermato lo stesso presidente Camporese, e per la mancanza di chiarezza intorno all’ipotesi di riforma delle prestazioni previdenziali e assistenziali che sarebbe allo studio di un ristretto gruppo di dirigenti dell’Istituto.

Continua a leggere