Inpgi, lo strano caso di mail elettorali camuffate da messaggi istituzionali

Mail Inpgi2 Falco“Questo messaggio potrebbe essere un tentativo di frode”, avverte l’antivirus del computer. E in effetti, come dargli torto?

A prima vista sembra una comunicazione dell’Inpgi stessa. A partire dall’oggetto (“Lettera Inpgi nazionale”) e dall’indirizzo: vfalcoinpgi2@gmail.com. Un lettore non troppo attento potrebbe benissimo scambiarlo per un messaggio istituzionale. In realtà il mittente, Vittorio Falco, candidato al comitato amministratore dell’Inpgi2, non ricopre nessuna carica nell’istituto di previdenza, ma è nipote di Mimmo Falco, già vicepresidente dell’Ordine nazionale dei giornalisti e nella Giunta Esecutiva della Fnsi.

Ma che cosa dice l’email di Vittorio Falco? Contiene indicazioni su come votare online dal 22 al 24 febbraio, sul modo per recuperare la password, con link al sito Inpgi e così via, come un messaggio istituzionale. Il mittente non si presenta, non spiega chi è.

Solo dopo le istruzioni di voto – in fondo – ci sono poche righe di programma che fanno intuire la natura propagandistica del messaggio. Ma non è indicato il nome della lista, insomma non si capisce bene, non è molto chiaro.

Seguono i nomi di ‘tutti i candidati’, come se fosse un classico comunicato Inpgi con i nomi di tutti i candidati (senza virgolette) appunto. Tipo quello pubblicato sul sito dell’istituto il 29 dicembre scorso, alla chiusura del termine per presentare le candidature: http://www.inpgi.it/?q=node/1435.

I candidati della email di Falco, oltre a Falco stesso, sono Ezio Ercole e Orazio Raffa, per il comitato amministratore, e Stefano Gallizzi come sindaco, sempre per l’Inpgi2, per la gestione separata. Figlio di Giuseppe Gallizzi, Stefano è candidato unico sindaco di diverse liste, tra cui quella sostenuta dalla nuova maggioranza della Fnsi e da chi si riconosce pienamente nella gestione Inpgi degli ultimi otto anni. Insomma, i motivi per essere perplessi di fronte a questa email sono più d’uno.

Senza volersi spingere a dire che questo messaggio rientri nei limiti della ‘pubblicità ingannevole‘, non sembra proprio che la squadra in questione abbia impostato la campagna elettorale nel nome della trasparenza e della chiarezza, requisiti fondamentali per chi si voglia candidare a ricoprire un ruolo così importante e determinante per il futuro dei colleghi in un momento così difficile.

Speriamo che la Rete, invece di essere solo strumento per ‘suggerire’ candidati, possa essere finalmente un mezzo per uscire dalle logiche veterosindacali dei giochetti politici, e segni il risveglio di una categoria che deve tornare a essere partecipe e padrona del proprio destino.

Mail Inpgi2 Falco

Annunci

Un pensiero su “Inpgi, lo strano caso di mail elettorali camuffate da messaggi istituzionali

  1. Il 28 gennaio Orazio Raffa ha riinviato agli elettori lo stesso identico messaggio (ma con oggetto “Elezioni Inpgi” anziche “Lettera Inpgi nazionale”), questa volta però da un indirizzo personale orazio-raffa@libero.it. Resta una pratica a dir poco trasparente. Saluti

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...