Patrimonio Inpgi in caduta libera: le ipotesi a sostegno della manovra sulle pensioni smentite già al primo anno

IMG_1208I conti non tornano. A tre mesi dal varo in Cda della riforma delle pensioni, ancora al vaglio dei ministri vigilanti del Lavoro e dell’Economia, l’assestamento al bilancio preventivo 2015 dell’Inpgi, che oggi è stato presentato per l’approvazione al Consiglio generale e ai fiduciari regionali dell’Ente, già smentisce la possibilità che la manovra possa funzionare. Con il patrimonio in caduta libera, a 2,059 miliardi (a prezzi di mercato) contro 2,178 miliardi previsti, nonostante uscite per prestazioni inferiori rispetto a quanto ipotizzato.

Tutto ruota intorno ai disinvestimenti finanziari che sono stati realizzati nel corso dell’anno per far fronte alla mancanza di liquidità, che risultano pari a 102 milioni (ne avevamo scritto qui e qui). E all’entità del patrimonio alla base delle proiezioni del professor Marco Micocci, il professionista incaricato di predisporre il bilancio tecnico-attuariale dell’Inpgi fino al 2064 (leggere qui).

Seguendo le comunicazioni dell’Istituto, il patrimonio era infatti posto a 2,230 miliardi di euro a fine dello scorso anno, contro 1,998 miliardi a prezzi di mercato valutati nel bilancio 2014, perché includeva in anticipo le rivalutazioni degli immobili che nel 2015 e 2016 saranno conferiti al Fondo Inpgi Giovanni Amendola.

Per capire il reale andamento dei conti bisogna leggere tra i numeri. E mettere a confronto i risultati dell’assestamento al bilancio preventivo con i calcoli del professor Micocci. Poche cifre forniscono il quadro, negativo e molto preoccupante, della situazione. E puntano il dito contro chi confonde rivalutazioni sulla carta con denaro sonante.

La spesa per prestazioni, come detto, è inferiore al previsto: 507 milioni nell’assestamento rispetto ai 546 delle proiezioni attuariali, con un “risparmio” di 39 milioni. Le entrate sono invece più basse per 11 milioni: 401 contro 412 ipotizzati. Il bilancio previdenziale risulta dunque a -107 milioni invece dei -134 previsti. Anche il contributo della gestione patrimoniale è leggermente più elevato, in seguito alle vendite finanziarie83 milioni rispetto agli 82 calcolati dal professor Micocci (102,6 milioni di rendimento meno 20,5 milioni di spese di gestione). E la riga finale del bilancio mostra un utile di 22 milioni mentre il bilancio attuariale indica una perdita di 52 milioni.

Tutto bene, dunque? Purtroppo, no. Perché il saldo finale reale dell’assestamento, per essere comparato con i calcoli di Micocci, deve essere depurato dai 90 milioni di plusvalenze sugli immobili, già compresi nel patrimonio esposto nel bilancio attuariale a fine 2014. E questo porta il risultato finale a un dato negativo per 68 milioni.

Non solo. Dal patrimonio a fine 2015 bisogna anche sottrarre i 102 milioni disinvestiti nei mesi scorsi, per un totale di -170 milioni. Nel 2016, insomma, si riparte da risorse da far fruttare pari a 2,060 miliardi rispetto ai 2,178 miliardi previsti. Che tengono già conto, va sottolineato, delle rivalutazioni su carta che arriveranno il prossimo anno dal conferimento di ulteriori immobili nel Fondo immobiliare Giovanni Amendola. E salvo ulteriori disinvestimenti in vista degli impegni di fine anno per tasse, tredicesime e altro.

Tutti i calcoli, in definitiva, sarebbero da rifare. Partendo da una base diversa e più “reale” del patrimonio. E questo mostrerebbe in maniera ancora più chiara e inesorabile l’insostenibilità nel breve, medio e lungo termine e la sua inutilità per salvare l’Inpgi della riforma elaborata in ritardo dal presidente dell’Inpgi, Andrea Camporese, e dal suo Cda e approvata dalla maggioranza della Fnsi e dal Consiglio generale della Cassa di previdenza dei giornalisti italiani.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...