Uffici stampa: il Sindacato siciliano contro i sindaci “furbetti”. Quei “singolari” casi di Gela e Caltanissetta

Luigi Ronsisvalle
Luigi Ronsisvalle

A Gela il Comune cerca un capo redattore ma freelance. A Caltanissetta, sempre il Comune, che ha già alle sue dipendenze un addetto stampa, ha assegnato per cinque mesi l’incarico di esperto della comunicazione a un giornalista assunto da un altro ente pubblico. Sono i due casi “singolari” arrivati in questi giorni dalla Sicilia sul fronte sempre molto caldo degli uffici stampa della Pubblica amministrazione, il primo dei quali segnalato a Ferragosto dal sito giornalistitalia.it. Talmente singolari, e contrari a leggi, accordi e contratti di lavoro, da indurre l’Associazione Siciliana della Stampa a pubblicare sul proprio sito e diffondere, d’intesa con l’Ordine regionale e il Gus (Gruppo uffici stampa), una severa presa di posizione, che pubblichiamo integralmente di seguito.

Nella nota, il Sindacato guidato da Alberto Cicero ricorda “che in Sicilia è tutt’ora in vigore, e non è mai stato abrogato, il decreto del Presidente della Regione siciliana, pubblicato sulla Gazzetta ufficiale n. 54 del 16 novembre 2007, che recepisce l’esito della contrattazione collettiva prevista dal comma 1 dell’articolo 127 della legge regionale n. 2 del 26 marzo 2002″. Ovvero la norma che ha recepito la legge 150 del 2000 sugli uffici stampa della Pubblica amministrazione.

La nota sottolinea inoltre come il contratto, firmato nell’ottobre 2007 all’assessorato alla Presidenza della Regione da Anci Sicilia e Urps e dall’Assostampa siciliana con la Fnsi, rappresentata dal segretario generale aggiunto Luigi Ronsisvalle, definisca “i profili professionali del personale giornalistico componente degli Uffici stampa di tutti gli Enti sottoposti al controllo della Regione”.

In coda al documento dell’Assostampa, riportiamo infine l’intervento sul l’argomento del presidente del Gus siciliano Francesco Di Parenti, che stigmatizza i due casi di Gela e Caltanissetta, che contraddicono peraltro la positiva dichiarazione scritta dell’assessore regionale alla Salute, Baldo Guicciardi del12 agosto, che “ha aperto definitivamente la strada ai concorsi per addetti stampa nella aziende sanitarie siciliane“.

IL COMUNICATO DELL’ASSOCIAZIONE SICILIANA DELLA STAMPA

Alberto Cicero
Alberto Cicero

In relazione al confronto apertosi in questi giorni sugli organi di informazione locale e relativo ad opposte tesi che riguardano qualifiche ed inquadramenti dei r assunti negli Enti locali, l’Associazione siciliana della Stampa, firmataria con la Fnsi del contratto nazionale di lavoro giornalistico, vuole puntualizzare che la qualifica di redattore capo è prevista esclusivamente all’interno del contratto nazionale di lavoro giornalistico.

Inoltre l’Associazione siciliana della Stampa specifica che in Sicilia è tutt’ora in vigore, e non è mai stato abrogato, il decreto del Presidente della Regione siciliana, pubblicato sulla Gazzetta ufficiale n. 54 del 16 novembre 2007, che recepisce l’esito della contrattazione collettiva prevista dal comma 1 dell’articolo 127 della legge regionale n. 2 del 26 marzo 2002. Questa legge ha recepito in Sicilia le disposizioni della legge 150/2000 relative agli uffici stampa della Pubblica amministrazione.

Il contratto, firmato all’assessorato alla Presidenza della Regione, da Fnsi e Associazione siciliana della Stampa (per i giornalisti) e da Anci Sicilia e Urps (per gli Enti sottoposti al controllo della Regione) definisce – in riferimento all’art. 1 del contratto nazionale di lavoro giornalistico firmato da Fnsi e Fieg – i profili professionali del personale giornalistico componente degli Uffici stampa di tutti gli Enti sottoposti al controllo della Regione ai sensi dell’art. 58 della legge regionale n. 33 del 1996.

L’applicazione dei profili professionali definiti a livello regionale e il riferimento diretto all’articolo 1 del Cnlg, ovviamente, richiama tutti i giornalisti al rigoroso rispetto delle norme di deontologia e di contratto che regolano la professione giornalistica, secondo la quale possono essere iscritti agli elenchi degli Ordini regionali come professionisti solo coloro i quali svolgono l’attività giornalistica in via esclusiva e a tempo pieno.

IL COMMENTO DEL PRESIDENTE DEL GUS SICILIANO

Francesco Di Parenti
Francesco Di Parenti

La nota con la quale l’assessore alla Salute, Baldo Guicciardi, lo scorso 12 agosto ha aperto definitivamente la strada ai concorsi per addetti stampa nella aziende sanitarie siciliane, offre prospettive nuove nel confronto che Assostampa e Gus (il gruppo di specializzazione del sindacato dei giornalisti) portano avanti per fare in modo che la pubblica amministrazione possa finalmente informare i cittadini in maniera corretta ed efficace.

Purtroppo però, accanto a un fatto positivo, frutto di anni di impegno sindacale, dalla provincia di Caltanissetta registriamo due notizie che ci dimostrano come la strada per l’istituzione negli enti locali di veri uffici stampa al servizio dei cittadini (rispettosi cioè della legge 150 del 2000) sia ancora lunga e piena di ostacoli. Ostacoli – dispiace ammetterlo – che non arrivano solo dalla Politica, interessata alla propaganda e non a un’informazione trasparente, ma talvolta anche da colleghi pronti ad assecondare le aspirazioni dell’amministratore di turno a discapito della credibilità della categoria.

​Il primo caso, rimbalzato sulla stampa siciliana, avviene proprio al Comune di Caltanissetta. Qui il sindaco, pur in presenza di un addetto stampa interno, ha assegnato per 5 mesi un incarico di esperto per la comunicazione ad un giornalista già impegnato in un altro comune capoluogo dove è inquadrato con contratto degli enti locali ma con la “singolare” qualifica di capo redattore.

Il secondo caso è a Gela: il Comune, in pieno periodo ferragostano, ha pubblicato un bando di selezione (scadenza 28 agosto) per un giornalista “con incarico di collaborazione esterna ad alto contenuto di professionalità”.

L’incarico avrà la durata di un anno ma tante, troppe sono le cose che non vanno in questa selezione. Decisamente strano è, ad esempio, il fatto che tra i compiti assegnati al prescelto ci sia anche quello di intervistare il primo cittadino (per conto di chi? Con quale credibilità? Accetterebbe il sindaco di farsi intervistare da un addetto stampa che la pensa in modo diverso da lui?), in assoluto disprezzo delle norme deontologiche; oppure che le domande di partecipazione al bando devono essere indirizzate alla segreteria del sindaco.

Per non parlare delle modalità di selezione, affidata a una commissione (composta da chi?) che ha il compito di comparare i curricula ma non di stilare una graduatoria. Nulla si dice dei criteri di valutazione dei titoli, così come non si fa riferimento al decreto Barbagallo, che resta l’unico strumento di cui dispone la Regione siciliana per la selezione dei giornalisti. Quali mezzi avranno i partecipanti esclusi per verificare la corretta valutazione dei loro curricula?

Una procedura, dunque, priva di certezze e resa ancora imprevedibile dalle prerogative riservate alla commissione e al sindaco. La prima può decidere di non assegnare il posto oppure, a sua discrezione, di effettuare “colloqui motivazionali” per approfondire il contenuto dei curricula; il secondo, a suo “insindacabile giudizio” – ma ci chiediamo con quale competenza -, al termine di un periodo di prova di tre mesi (che sembrano pochi ma sono un tempo infinito se rapportato alla durata del contratto) deciderà se confermare l’incarico al giornalista selezionato.

Ma il vero capolavoro è la previsione per il compenso: “prestazione libero-professionale inerente la qualifica di redattore capo prevista dalla categoria professionale D3 degli enti locali”. Dunque: un libero-professionista che guadagnerà quanto un importante funzionario pubblico cui viene riconosciuta la qualifica di capo redattore. A Gela si disegna così una figura di addetto stampa decisamente anomala, dal punto di vista del trattamento economico e del profilo professionale, che in Sicilia ha un solo precedente (per altro contestato dall’Assostampa) incarnato da quel giornalista proveniente da un altro Comune e recentemente incaricato in quello di Caltanissetta.

Ci chiediamo: gli autori del bando sanno che in Italia un solo contratto, quello dei giornalisti, prevede la figura del redattore capo? Qual è la necessità di agganciare un incarico libero-professionale a un contratto di lavoro subordinato? Non sarebbe stato più logico fissare semplicemente un compenso lordo annuo senza ricorrere a spericolati riferimenti contrattuali? Il sindaco di Gela sa che è vigente l’accordo sindacale dell’ottobre 2007 – sottoscritto da Regione, Anci Urps, Fnsi e Assostampa – pubblicato sulla Gurs del 16 novembre 2007 con decreto del presidente della Regione, che fissa i profili professionali degli uffici stampa negli enti locali e li aggancia al contratto nazionale di lavoro dei giornalisti Fnsi-Fieg? Conosce la differenza tra addetto stampa e portavoce? Sa che le due figure (oltre agli Urp) sono previste dalla legge 150/2000 e che la stessa è stata recepita in Sicilia con l’articolo 127 della legge 2/2002?

In 15 anni di lavoro sugli uffici stampa pubblici (con tante sentenze favorevoli ai giornalisti) ne abbiamo viste di tutti i colori e ci siamo imbattuti nei più fantasiosi tentativi messi in atto da amministratori per scegliere giornalisti a loro affini. Ci siamo abituati a tutto tranne che a una cosa: le pseudo-selezioni costruite per ammantare di oggettività e trasparenza ciò che oggettivo e trasparente non è, o comunque non lo è fino in fondo.

In questo contesto, che conta in Sicilia molti altri casi oltre a quelli di Caltanissetta e Gela, la nota dell’assessore Guicciardi rappresenta una debole luce in fondo al tunnel. Troppo presto per cantare vittoria, anche perché le specificità del settore Sanità ci consigliano cautela e prospettano altri ostacoli da superare. Ma c’è un elemento di novità che va evidenziato e che deve valere anche per gli enti locali. I concorsi per addetti stampa nelle Asp sono l’effetto di un metodo tutto politico, avviato con un incontro tra sindacato dei giornalisti e commissione Sanità dell’Ars (per il quale ringraziamo il presidente Digiacomo) dal quale è scaturita la risoluzione che impegna l’assessorato e alla quale Guicciardi ha deciso di dare seguito. Il confronto tra le parti ha dato i suoi frutti; la trattativa a viso aperto ha avuto la meglio sugli accordi sottobanco e sugli inconfessabili compromessi al ribasso.

La prospettiva dei concorsi nelle Asp e le vicende di Caltanissetta e Gela rappresentano i due poli all’interno dei quali si sviluppa il dibattito sugli uffici stampa pubblici siciliani: da una parte le posizioni dell’Assostampa, favorevole ad assunzioni alla luce del sole e dettate da criteri oggettivi, tenendo presenti – qualora esistessero – i titoli maturati da giornalisti che hanno svolto mansioni di addetto stampa; dall’altra la pretesa dei politici di scegliersi non solo i portavoce (cosa assolutamente legittima) ma pure chi ha il delicato compito di informare la gente, nella maniera più oggettiva possibile, sugli atti della pubblica amministrazione.

Serve senso di responsabilità da parte tutti. Sul piatto non ci sono solo posti di lavoro ma soprattutto la trasparenza della pubblica amministrazione e il diritto dei cittadini di essere informati correttamente.

Francesco Di ParentiPresidente Gruppo uffici stampa dell’Associazione siciliana della stampa

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...