Fnsi: I giornalisti devono dare le notizie, non nasconderle. Ma se si tratta di Camporese e di Lorusso…

Andrea Camporese e Raffaele Lorusso
Andrea Camporese e Raffaele Lorusso
Meno male che non c’è nessuno che si informi sui temi della categoria esclusivamente frequentando il sito della Fnsi. E meno male anche che le notizie sulla conclusione delle indagini sulla bancarotta Sopaf, con la nuova accusa di corruzione al presidente dell’Inpgi, Andrea Camporese, oltre a quella di truffa aggravata nei confronti dell’Istituto, sono circolate veloci sulla rete e sono state riprese da molte testate. A partire dal Fatto quotidiano online e di carta, per continuare con il Corriere della Sera e Il Sole 24 Ore. In ogni caso, inquieta non poco la cronaca che appare su fnsi.it.

Il sito del Sindacato unico dei giornalisti, direttore responsabile il segretario Raffaele Lorusso, infatti, dà notizia della conclusione delle indagini, ma senza aggiungere neppure un particolare, un riferimento, di che cosa si stia parlando, che cosa sia la Sopaf, quali siano gli addebiti mossi al presidente, su quali basi si fondino. La replica di Camporese, che nessuno se non già informato capirebbe a che cosa si riferisca, viene invece riportata per intero. Così come la dichiarazione di solidarietà di Lorusso.

A confronto, sembrano quasi più obiettivi i colleghi del Capss, la corrente sindacale formata da sei associazioni regionali (Valle d’Aosta, Trentino Alto Adige, Veneto, Liguria, Puglia e Basilicata) cui appartengono Camporese e Lorusso, che nel loro sito almeno scrivono della nuova accusa di corruzione (dimenticandosi della prima), anche se ideano un titolo (non granché originale, in verità), “Camporese e la macchina del fango“, che nulla dice della vicenda ma riesce a gettare insieme un’ombra sull’operato del pm Gaetano Ruta e sul lavoro dei giornalisti, cioè nostri colleghi, che scrivono sulle vicende Sopaf e hanno rivelato le notizie su Camporese.

E pensare che, sul sito Fnsi, appena sopra le vicende (non raccontate) di Camporese, campeggia un pezzo sulle dichiarazioni del presidente del Senato Pietro Grasso in merito alla legge sulla diffamazione, con tanto di commento di Lorusso nel titolo. E un occhiello molto significativo: “La Fnsi: Compito del giornalista è dare le notizie, non nasconderle”. Il direttore deve aver dimenticato di aggiungere: ma forse non proprio tutte

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...