Il Consiglio nazionale Fnsi preoccupato per i conti dell’Inpgi

Profonda preoccupazione per la situazione economica dell’Inpgi. E impegno perché l’ipotesi di riforma delle pensioni sia oggetto di un confronto ampio all’interno della categoria, nella piena chiarezza dei dati e delle prospettive future.

È il senso di un documento condiviso da venti consiglieri nazionali e proposto al dibattito nella riunione del Consiglio nazionale che si è svolta ieri, 28 aprile 2015. Inizialmente bollato dal segretario generale Raffaele Lorusso come “superfluo”, il documento è stato poi, su proposta del presidente Salvo Della Volpe, accolto dal Consiglio nazionale come raccomandazione. Lo stesso presidente Della Volpe, su richiesta dei promotori del documento, si è inoltre impegnato personalmente a convocare una nuova riunione del Consiglio nazionale espressamente dedicata alla riforma dell’Inpgi, alla luce dei tanti stati di crisi ancora aperti e del prossimo rinnovo contrattuale.

DOCUMENTO ACCOLTO DAL CONSIGLIO NAZIONALE COME RACCOMANDAZIONE

Il Consiglio nazionale della Fnsi, riunito a Roma il 28 aprile 2015, esprime profonda preoccupazione per la situazione economica in cui si trova l’Inpgi, così come di recente ha confermato lo stesso presidente Camporese, e per la mancanza di chiarezza intorno all’ipotesi di riforma delle prestazioni previdenziali e assistenziali che sarebbe allo studio di un ristretto gruppo di dirigenti dell’Istituto.

Le trasformazioni tecnologiche, la crisi economica, la chiusura di tante testate, le riorganizzazioni e ristrutturazioni che hanno interessato la gran parte dell’industria dell’informazione hanno avuto negli ultimi anni un impatto anche sull’intero sistema di welfare della nostra categoria. I bilanci dell’Istituto di previdenza dei giornalisti hanno continuato ad avere un risultato netto positivo solo grazie alla rivalutazione contabile del patrimonio immobiliare, conferito in un fondo, mentre lo squilibrio tra entrate e uscite per le pensioni segna almeno dal 2008 un andamento sempre più accentuato. Un andamento che non sono riusciti ad arginare né la riforma minima effettuata nel 2011 sull’età pensionabile delle colleghe, che produrrà effetti solo tra anni, né il consistente e immediato intervento economico dello Stato, che dal 2009 si fa interamente carico dei costi dei prepensionamenti insieme con gli editori (che versano un terzo di tali costi) e con l’aliquota aggiuntiva ottenuta dalla Fnsi con il rinnovo contrattuale del 2011.

La riforma preannunciata arriva in ogni caso molto in ritardo rispetto agli indicatori noti da tempo agli amministratori dell’Inpgi. E la fretta e l’insistenza con cui all’improvviso se ne è iniziato a parlare nelle ultime settimane fa temere un intervento che non sia capace di tener davvero conto del valore e dell’importanza che l’Istituto ha da sempre all’interno della categoria. Bisogna recuperare chiarezza a tutto campo e rendere comprensibili ai colleghi la portata reale dei problemi e degli interventi oggi allo studio. Ripartire dai dati, da tutti i dati, quelli reali e non solo di mera contabilità bilancistica, da studiare e da spiegare ai colleghi senza agitare numeri spesso incomprensibili. Un’operazione complessa, che avrà le sue basi nel bilancio attuariale che per legge dovrà essere preparato quest’anno sulla base dei dati di fine 2014. E che dovrà tenere conto di tutte le istanze della categoria, di tutte le proposte e di tutti i contributi, che non abbandoni nessuno per strada e pensi a una prospettiva di lungo periodo per la categoria e l’occupazione, senza cedere alla facile tentazione di decisioni a colpi di maggioranza con il solo obiettivo, ancora una volta di non rivelare i veri problemi strutturali della previdenza dei giornalisti.

L’Inpgi è un bene fondamentale perché fonte di reddito per migliaia di pensionati di oggi, garanzia del futuro dei colleghi in attività, motore di solidarietà per chi si trova in difficoltà, promotore da sempre di servizi aggiuntivi per la categoria. Senza considerare che la libertà di informazione, diritto garantito dall’articolo 21 della Costituzione, passa anche dalle sorti dell’Istituto di previdenza. Ecco perché l’Inpgi assume una rilevanza primaria ed è un patrimonio cui tutti i giornalisti, anche i più distratti, si sentono legati e soprattutto garantiti. Un valore non “negoziabile”, la cui credibilità e autorevolezza devono essere preservati a qualsiasi costo.

Per questi motivi il CN impegna la Giunta esecutiva ad aprire fin d’ora un approfondito e ampio dibattito nella categoria, coinvolgendo tutte le articolazioni del sindacato, fornendo tutti gli elementi e i dati indispensabili perché la difficile situazione attuale e soprattutto prospettica possa essere affrontata, compresa, eventualmente corretta e alla fine condivisa da tutti i giornalisti italiani.

Roma, 28 aprile 2015


Ecco i nomi dei consiglieri nazionali presenti alla riunione che hanno condiviso il documento:

Michele Albanese

Francesco Cavallaro

Alberto Cicero

Enrico Cocciulillo

Roberto Colella

Paolo Corsini

Roberto Damiani

Giuseppe Di Pietro

Antonio Fiasconaro

Federica Frangi

Roberto Ginex

Giuseppe Gulletta

Paolo Licciardello

Micaela Marcaccio

Pierangelo Maurizio

Carlo Parisi

Luciano Regolo

Luigi Ronsisvalle

Anna Russo

Daniela Stigliano

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...